Under the Christmast tree

Manca poco più di una settimana al giorno più magico dell’anno.

Io non la sento questa magia, ed è strano, perchè Dicembre è uno dei miei mesi preferiti e il Natale è sempre stato occasione di festa, voglia di famiglia e di condividere.

Guardo le folle del fine settimana per le strade e nei negozi e provo solo fastidio, insofferenza. Ci sono persone che in questi ultimi mesi mi hanno cambiata molto come persona, anche se io non avrei mai voluto accadesse. Eppure la vita è una ruota che si ferma solo una volta, e quella volta è per farti scendere, tutto ciò che si può fare è abituarsi al movimento, diventare parte di esso e cavalcarlo.

Solitamente in questo periodo facevo scrivere la lettera ai miei fratelli, ora diventati troppo grandi per credere in Babbo Natale, ma per questa volta vorrei scriverla io una lettera, al destino e a me stessa.

Cara Giulia

Per questo natale 2017 non vorrei molto sotto l’albero. Nulla di materiale.

Vorrei ritrovare la serenità che avevo prima di Febbraio.

Vorrei ritrovare me stessa, una me felice e sicura di sé.

Vorrei ritrovare la stabilità emotiva che non mi faccia sentire fuori luogo in qualsiasi situazione, una canzone che non mi faccia sciogliere a prescindere da dove io mi trovi.

E poi, se il destino volesse metterci una persona che mi ami genuinamente, senza conflitti, senza rimorsi, senza sentirsi imprigionata né sentirsi annoiata facilmente, una persona sana di mente, e se sanificasse anche me, e se potesse farci incontrare, questo sarebbe davvero il massimo.

Buon natale a tutti.

 

 

Annunci

Occhi blu famelici

Quando mi guardi con quegli occhi,

Famelici,

Di un mare in tempesta,

Io mi sento liquida,

Mi sento schiuma delle onde,

Parte di te,

E tutto diventa confuso,

Tranne il mio volerti,

Tranne le nostre bocche,

La nostra intesa,

Quel piccolo angolo di paradiso che mi fai raggiungere,

Passando per l’inferno dei corpi.

Blanca

Llegó la nieve

Al final, sin ti.

Me llevó una sonrisa

Que perdura hasta hoy,

Que me escribe

‘Estoy feliz’,

‘Estoy viva’ en la cara.

Llegó la nieve

Y el frío,

Que me hace pensar en ti,

En el calor de tu brazos,

Y todo es blanco afuera,

Miro el mundo

Escondido bajo una manta

Y la niebla,

Detrás de una ventana,

De un tren helado,

Y pienso que me gustaría estar contigo,

En tu cama,

En tu mente,

En tu alma.

Los dos unidos,

Una cosa sola,

Como los árboles nevados.

Io e me

Sono sola questa notte

Sola con la mia solitudine

In cinquanta metri di casa.

Ci amiamo io e lei,

É un po’ che non passiamo del tempo,

Così, indisturbate.

Ci amiamo nel silenzio,

Nella oscurità,

Nell’attimo che viene prima del riposo

Ci amiamo

E ci sussurriamo parole bellissime.

Siamo amanti,

Che si rubano l’amore

Come i bambini rubano caramelle

Con il sorriso di chi la sa lunga,

E il brivido del rischio,

Perché amarsi é bello.

Quiero desaparecer en la tormenta

Gotas de lluvia
Mojan mi párpados
Mientras yo miro el cielo,
Las blancas nubes,
Esperando la nieve
En este día tan raro
Que parece como si el tiempo se hubiera quedado
Inmóvil,
Como en una fotografía
Como una mujer dejada sola,
Como niño perdido.
Y yo me siento extranjera
En mi propria terra
O bueno,
Como la tierra es de nadie
Salvo que de si misma,
En la que llamo patria.
Objeto inútil,
Ruidoso,
Me muero mientras que espero
Espero la nieve
Tan blanca
Tan pura
Tan diferente de ti.